Riflessioni di quasi mezzanotte

Qualche sera fa ho seguito l’intervento di Grossman e Moresco da Fazio…
Avvolta dal calore e dalla bellezza delle loro parole confesso di essermi sentita “piccola, piccola”…
Perché sono mesi, anni, che non leggo più…
Coscientemente mi manca molto…
Praticamente non realizzo…Non sento la necessità anche se mi sento “impoverita” senza il ritmo delle pagine da sfogliare…
Il tempo, le cose da fare, la testa che si divide tra mille pensieri e le “distrazioni” del web e dei social.
Il male del secolo insomma.
Questa sera allora voglio spegnere il pc. Sedermi a letto.
Voglio aprire il libro che ho sul comodino che ho sul comodino dal 26 Dicembre. Si chiama “Moscerine”, di Anna Marchesini.
Annuserò le pagine ad occhi chiusi e sentirò il fruscio della carta.

images

A tutti quelli che vivono o hanno vissuto questa emozione e ora sono, semplicemente, bloccati dai giorni che si affastellano uno dietro l’altro…
Io auguro di riuscire a sentire di nuovo, come lo auguro a me.
Sono certa che questa lettura mi aiuterà a riprendere il giusto respiro…

A presto Lovers

A.

Annunci