5 Giorni in Provenza (Francesi…questi sconosciuti) Pt. 2

Ripartiamo da Roussillon.
Siamo arrivati in paese dopo una tipica pioggia estiva…il contrasto tra il cielo grigio e la terra rossa era uno spettacolo meraviglioso…e proprio il rosso intenso delle montagne si ritrova ovunque nella piccola cittadina.
Roussilon è conosciuta anche per le sue ceramiche, e noi, potevamo farci scappare questi pezzi qui sotto?

P1020144 P1020143

P1020142   IMG_20140618_173938_705

Nel piccolo elenco dei posti da vedere abbiamo aggiunto Apt, vicinissima a Saint Saturnine e davvero molto carina (anche se devo ammettere che avevo aspettative più alte).

Ad Apt ho assaggiato la mia prima bistecca servita con squisite salsine al formaggio (Max, of course, era già un esperto), la mia preferita era quella al Rochefort.

Giorno 3 si parte in direzione di Manosque.
Assieme a quello verso le Gorges du Verdon questo è un viaggio che non dimenticheremo mai…
Con la nostra fiacchissima Chevrolet Spark abbiamo percorso unicamente strade statali (peraltro le classiche grandi strade romane…sempre le migliori!)…Grande calma e relax quindi…finestrini aperti, profumi e colori e grandi, immense gallerie di verde formate dagli alberi che ci affiancavano…tanto alti da abbracciarsi.

IMG_20140619_125050_442  IMG_20140619_124906_469

IMG_20140619_124720_797

Giugno è il mese delle ciliegie e lungo la strada abbiamo comprato da un’ambulante una confezione: due kg sono costati esattamente come due caffè, 2 euro e 50.

L’arrivo al secondo Hotel non è stato dei migliori: avevo prenotato il soggiorno in un Ibis Hotel e l’accoglienza non è stata delle migliori…una stanza orribile con umidità, bagno sporco e tanfo mefitico di fumo…nonostante le lamentele continue abbiamo impiegato due giorni prima che la concierge ci assegnasse una nuova camera (questa volta pulita e molto carina).
Il tempo di lasciare i bagagli e ci siamo diretti verso Greoux les bains attraversando le distese dalle infinite variazioni di viola del plateau de Valensole.
Quando sei vicino ad un campo di lavanda, e per vicino intendo anche solo in macchina a finestrini aperti, la sensazione di benessere derivata dal suo profumo è immediata.
Ma lo stato di quiete e la sensazione ovattata che questa pianta regala quando la sfiori e le sei seduto accanto è impagabile e vale senza il minimo dubbio l’intero viaggio.
Difficile separarsene…

P1020189 P1020196   P1020187 P1020199

Il tour gastronomico della nostra vacanza è continuato a Greoux les bains, dove abbiamo mangiato il nostro primo, indimenticabile tropezienne, e al rientro nel piccolo centro di Manosque dove in una deliziosa brasserie abbiamo assaggiato la quiche lorraine e i petit fours!!
P1020224 P1020222

A presto con l’ultima parte del nostro viaggio in Provenza 🙂

Avete perso la prima parte del racconto?
La trovate Qui

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...