Pescara

Di cosa abbiamo davvero bisogno per il grande arrivo? La “Lista Nascita”: Pro e Contro

Un dilemma che molti futuri genitori si pongono…
E se non se lo pongono…Beh, abbiamo idea che la loro casa diventerà presto piena di aggeggi completamente inutili 🙂
Cosa serve davvero a Pandorina e può essere utile a noi?
La risposta è: POCO!
Da una parte perché, come per tutti gli eventi e le feste comandate, la nascita è diventata un enorme business, dall’altra invece perché è giusto, e bellissimo, alimentare quel circolo virtuoso che è il mercato dell’usato, del baratto e del prestito.
In questo senso noi siamo stati davvero fortunati: tanti amici (grazie Basso, Katy, Marta) ci hanno sostenuto con regali (duraturi o temporanei) grazie ai quali abbiamo potuto risparmiare davvero tanto, convogliando energie e spese in cose ancora più importanti.

Una cosa però resta: come aiutarci e aiutare amici e parenti nell’acquisto di quello che davvero può esserci indispensabile, evitando inutili doppioni?
La soluzione che abbiamo scelto, come per il matrimonio, supportata dal fatto che si vive in città diverse, è la lista nascita.

prenatal

Lo store maggiormente presente sul territorio è Prénatal, la decisione quindi è stata quasi obbligata.
E diciamo questo perché, ad essere sinceri, non siamo completamente soddisfatti rispetto alla varietà che questo grande punto vendita offre.
Saranno diverse quindi le spese “extra” che dovremo sostenere: fascia rigida, marsupio e pannolini lavabili, ad esempio…aldilà di alcuni brand più conosciuti non è possibile trovare prodotti di qualità che rispettino criteri come ergonomia e sostenibilità ambientale.
Sicuramente la forza di questa catena è la capillarità sul territorio.

Ma torniamo alla parte pratica e utile…
Come si apre la lista nascita in un punto Prénatal?
In 5 punti ecco tutto quello che dovete sapere 😉

1) Per l’apertura è necessario essere titolari della Prénatal Card (attivabile gratuitamente in tutti gli stores) e prenotare un appuntamento in modo che, nel giorno stabilito, uno dei venditori sia a nostra disposizione per consigliarci rispetto alle necessità;
2) I prodotti scelti non sono vincolati o vincolanti da obbligo di acquisto e, una volta inseriti nel sistema gestionale è sempre e comunque possibile eliminarli o sostituirli;
3) Oltre all’acquisto del singolo prodotto, in base alle possibilità di ognuno si può scegliere l’opzione gift card: una sorta di salvadanaio in cui ognuno può depositare qualsiasi cifra che diventerà spendibile a piacimento dei futuri genitori;
4) Quando la lista è pronta verranno inviati, alla mail indicata in negozio, due link: uno da girare ad amici e parenti e l’altro, per mamma e papà, in cui sarà possibile visionare gli aggiornamenti sugli acquisti fatti (e se dovessimo dimenticarcene una mail ci informerà ad ogni regalo ricevuto)
5) In base all’importo raggiunto nella lista al momento della chiusura (e fino a 9 mesi successivi all’apertura) verrà emesso un buono sconto il cui valore sarà pari al 5 o al 10% (rispettivamente per un importo uguale o superiore a 500 euro per il primo e uguale o superiore a 1000 euro per il secondo) del valore di tutti gli articoli acquistati o regalati

 

ATTENZIONE
PER MAMME E PAPA’: è possibile modificare i prodotti della lista solo in negozio 😦
PER AMICI E PARENTI: non è possibile acquistare gli articoli della lista online!
Sul sito potete visionare la lista con i relativi prezzi ma per comprare è necessario recarsi fisicamente in negozio…Speriamo che questa opzione sia attivabile presto, la comodità di visionare una lista online è anche legata al successivo (e diretto) acquisto, non trovate?

A. & M.

 

 

Alla ricerca di un’area verde

“Guardi che io faccio parte del gruppo pensionati di Pescara qui al parco, che noi giochiamo a carte e io lo vedo che i cani fanno la pipì”
Tuona un ometto sale e pepe
Eh si, devo confessarle questa sconvolgente verità. I cani fanno la pipì. Per la popò ci siamo attrezzati con i sacchetti ma per il resto non possiamo fare molto…
Il vecchietto continua dicendo “guardi, guardi quanti cani ci sono! E i bambini come fanno?”
Allora, procediamo per punti…

1) Gli sguardi persecutori di chi, prima che il tuo cane faccia i bisogni (e presupponendo che tu non li raccolga) ha già giudicato il tuo comportamento a noi hanno stufato un bel po’…
Purtroppo si paga il conto anche per chi non fa il suo dovere (e ce ne sono ancora tanti, troppi) ma l’atmosfera di una semplice passeggiata diventa ogni volta plumbea quando si cammina sotto queste occhiate minatorie;

2) i bambini sono una “categoria” poco protetta a Pescara, e soprattutto poco tutelata…mancando molte strutture adeguate per loro ed essendoci poche aree verdi…
Per i cani (un numero non trascurabile per la città di Pescara) non c’è invece quasi nulla…

A noi viene un po’ difficile insegnare a Camilla a fare i bisogni nel WC, possiamo attrezzarci…ma nel frattempo sarebbe davvero bello e utile se il Comune rendesse disponibile per ogni parco una piccola aerea verde per i nostri amici a 4 zampe…
Questo per loro ma anche per una migliore convivenza con i cittadini che non hanno piacere nel condividere uno spazio con degli animali. D’altra parte è legittimo.

Certo, se pensiamo alla situazione in cui versa il canile municipale e alla totale sordità della pubblica amministrazione…chiedere altre aree sgambettamento è davvero pura fantascienza…

IMG_20140707_200358

Cercate dei volontari sui social network, coinvolgete attivamente i cittadini, adoperate del materiale di recupero…
Qualcosa succederà.
Noi ci rendiamo disponibili!
Però voi datevi una mossa!

A. e M. e Camilla (woof)

 

Il Melograno Pescara: centro informazione maternità e nascita

C’è un posto a Pescara che, da qualche tempo a questa parte, è diventato uno dei miei rifugi felici.
Il mio nido.
Questo perché il Melograno, centro di informazione maternità e nascita, mi ha letteralmente accolta per il mio tirocinio e in qualità di futura mamma.

13646940_10207787556619478_802247695_o

 

La sede di Pescara, che fa parte di un coordinamento nazionale di associazioni, ha creato, con la collaborazione di pediatri, ostetriche, nutrizionisti, psicologi, consulenti in allattamento materno,  un luogo di accoglienza e sostegno alla genitorialità.

image

 

Se può sembrare poco ai Lovers che ci leggono “da lontano” beh, qui non lo è per niente, perché è da poco che realtà nuove, che abbracciano la filosofia di una gravidanza e di un parto portati avanti con consapevole naturalezza ad esempio, sono presenti sul nostro territorio.

Il fine del Melograno è proprio questo quindi: favorire lo sviluppo di un atteggiamento critico e cosciente verso le tante scelte che segnano il percorso nascita oggi.

Io sono entusiasta, e voglio condividere con voi i loro appuntamenti 🙂

Ogni mercoledì l’associazione è aperta dalle 15 alle 21 con tante, tantissime attività:

h16 incontri “mamma-bambino”: dal massaggio infantile, allo svezzamento al portare in fascia
h18 movimento corporeo
h19 corso di accompagnamento alla nascita

 

Una volta al mese inoltre il centro accoglie per un seminario gratuito sulla genitorialità

Per me e Max è ancora presto per quest’ultimo incontro, ma ho già prenotato il corso sul portare 🙂
Pppssss …ci sarà il 20 luglio

Ecco l’indirizzo in cui raggiungere Luana, Concetta ed Emilia

Via Passolanciano, 50 Pescara

Potete seguire tutte le attività del centro anche sulla pagina FB ufficiale e sul sito internet

http://www.melogranope.org/

A presto,

A.

 

 

 

 

30 ore in Abruzzo – viaggio dentro (e intorno) alla valle Peligna

Una delle tante, tantissime, qualità dell’Abruzzo è quella di avere una moltitudine di variabili e scelte per fare vacanza: in meno di un’ora si passa dal mare alla montagna passando attraverso paesaggi mozzafiato.
Fare vacanza a volte non è possibile…E allora perché non approfittare dell’opportunità per organizzare un mini viaggio proprio qui?

Il nostro suggerimento parte dalla base minima di relax, 30 ore 🙂
Ecco il nostro cronoprogramma, con partenza da Pescara.
Abbiamo scelto la nostra città perché può esservi utile e comoda anche grazie all’aeroporto ma, come dicevo, è possibile, con un impegno minimo, declinare queste ore in tantissimi percorsi diversi.

Per ogni destinazione troverete il link con le info utili
So, let’s start 🙂

Giorno 1
(lasciamo a voi la scelta dell’ora di partenza, ma non esagerate con i sonnellini e partite entro le 11 :P)

Pescara: spiaggia, bagno, sole

↓

image

pranzo, caffè e passeggiata in paese
Ci siete mai stati? la città dei confetti affonda le sue radici nell’epoca romana. Passeggiare lungo le sue strade crea uno scompiglio malinconico…Da non perdere.

↓

image

Sulmona (frazione Badia):
1) visita all’Abbazia Celestiniana di Santo Spirito al Morrone (trovate tutte le info e gli orari di apertura Qui)
Scoprire questo posto è stato emozionante…abbiamo avuto la fortuna di arrivare in tempo per una visita guidata (gratuita) in cui ci è stata spiegata la storia dell’abbazia che da chiesa medievale è diventata ricca roccaforte dei celestini per poi essere trasformata in carcere e
Il lungo lavoro di restauro sulla struttura seicentesca è quasi completo, manca solo la chiesa, ma vale già davvero la pena, anche solo perché non ci si aspetterebbe mai di trovare un luogo così bello (una delle più grandi abbazie del centro sud) proprio lì.
Eh si perché, come al solito, non esiste valorizzazione (né pubblicità sufficiente)…ma rischiamo di cadere nella solita trappola della lamentela e quindi, lasciamo a voi le considerazioni 😛
2) escursione e merenda all’Eremo di Sant’Onofrio; visita al tempio italico di Ercole Curino
Dobbiamo confessarvelo…non siamo saliti fino all’Eremo anche se avremmo voluto tanto…
Avevamo Camilla con noi (la mia amata pelosina festeggia 14 anni tra due mesi) e non ce la siamo sentita di salire perché era molto caldo…ma torneremo 🙂

↓

image

Sosta alla Riserva naturale regionale delle Gole del Sagittario (Oasi WWF dal 1991):
Come tutte le cose belle, non era prevista…anche se io avevo da tempo una gran voglia di visitarla!
Ma, sapete com’è, tra una curva e l’altra abbiamo trovato il cartello e non abbiamo resistito alla tentazione di fermarci 🙂
La riserva delle Gole è splendida ed è possibile passeggiare, fare il bagno nelle acque super gelate (pur essendo questo un periodo di relativa secca) e fare un picnic.
La natura è incontaminata e, in alcuni tratti, sembra davvero di trovarsi in un altro mondo.
Camilla strafelice, noi ancor di più 😉

 

↓

image

Arrivo a Scanno:
Ok. Siamo totalmente impazziti per questo paese.
Il solo arrivare a destinazione (percorrendo strade strettissime lungo rocce e dirupi e dando un primo sguardo al lago di San Domenico e a quello della stessa Scanno), è sufficiente.
Scanno è fiorente, deliziosa, ricca di persone e vita e soprattutto di “nonnine” vestite nel costume tipico.
Ok, io sono di parte perché amo le nonnine, ma come si fa non adorarle?

Dopo l’aperitivo con cedrata Tassoni di ordinanza (:P) in piazza, abbiamo scelto di cenare e pernottare nel Bio Agriturismo Valle Scannese, totalmente immerso nella natura ma non lontano dal paese.
Trovate la mia recensione della struttura cliccando Qui

Giorno 2

Caffè in paese e pranzo al lago di Scanno:
Abbiamo scelto di fermarci a circa la metà del percorso, in una piccola spiaggia.
Che dire…emozione, il mio primo bagno al lago (un’altra delle esperienze vissute grazie a Max)!
Acqua smeraldo fredda al punto giusto ma meravigliosa (ricordate di portare delle scarpe in gomma perché la riva e il fondale sono sassosi)

Info utile: Ai nostri amici cani è permesso l’ingresso ma non la balneazione

Per il pranzo abbiamo scelto di far preparare dei panini in un negozio di alimentari (provate il pan focaccia a proposito!)

↓

Visita all’Eremo di San Domenico (VillaLago)

↓

image

Sosta a Cocullo e ritorno a casa.

30 ore totali.
Potete scegliere di aggiungere o togliere alcune tappe a sarà un mini viaggio pieno di emozioni e bellezza.
Avrete voglia di tornare, restare più tempo, raccontare il soggiorno ai vostri amici.
Noi torneremo.
Su questo non c’è alcun dubbio.
A presto Lovers,

A.

 

 

Una quercia è il nostro tempio

C’era un tempo una quercia.
Si stagliava in un angolo, lungo una vecchia strada che io e Max percorrevamo tutti i giorni.
Ad ogni passaggio le era dovuto un cenno, una riverenza.
Lei era lì. Dominava la vallata. Anno dopo anno.
In un momento come un altro passammo per farle un saluto.
La quercia era distrutta. Squarciata da un fulmine. Nera di fuoco.
I mesi si avvicendavano ma lei non accennava alla resa. Il tronco bruciato cominciava a crescere…
I rami divisi a fortificarsi, riabbracciandosi.
Il verde tornava a dominare e in quell’albero, maestoso e fiero, avevamo figurato la metafora del nostro amore.
Gioie, difficoltà, passione, voglia di farcela.
Strade che dividendoci ci facevano ritrovare più uniti di prima.

Il nostro tempio è una quercia.
Non potevamo che prometterci, una all’altro, sotto la sua saggezza centenaria.

A.

 

MK3_5149

 

Ph. Hoshi Studio, Pescara
Abiti: Ale, Pronovias – Max, Corneliani

 

Nel bosco…

A quest’ora saremo in viaggio per il nostro primo anniversario, ma volevo condividere con voi una piccola anticipazione dello shooting che abbiamo realizzato per l’occasione lunedì scorso, nel bosco di Sant’Eufemia, qui in Abruzzo…
A presto,

A.

MK3_4906

Reportage: Hoshi Studio
Location: Sant’Eufemia a Maiella
Abiti: Ale, Pronovias; Max, Corneliani

Sull’ingenuità

Oggi mi è capitata una scena che non vivevo da tempo…

Dietro c’è tutto un mondo (o perlomeno io ce l’ho visto) più grande, popolato da individui che sono entusiasta sapere ancora vivi…un mondo di ingenuità bambina, di stupore, di felicità piccola, fatta di un attimo.
Siamo a Pescara, Auchan aeroporto: due signore sui 70 e un bambinone, occhi umidi e dita aggrappate ad una rete, scelgono con cura una posto.
Chiacchierano, si guardano attorno con grandi sorrisi e un senso di attesa che arriva fino a me, che li guardo dietro i finestrini umidi della mia auto.
Il loro obiettivo è la visuale perfetta su di un campo.
Lo show non durerà più di una manciata di secondi e in poco tempo il mistero è svelato.
Lo spettacolo è il decollo di un aereo.
Naso all’insù e silenzio. Poi un sorriso grande. Ci si ricompone velocemente e poi via, in macchina.

A.

images