tradizione

Maniera e Tradizione a Milano

A Milano, in p.zza Bazzi, c’è la bottega di questo signore.
Quando si entra in questo posto si viene catapultati nel 1960!
Lui sopravvive al pianeta del web e delle chat o degli account on line: ogni mattina attraversa la città in bici, indossa la casacca e ti fa accomodare sulla poltrona facendoti immergere in uno spazio di entropia relativa; il tempo scorre piano ma bene, solo per l’attesa dell’ora di pranzo, le mogli sono pensieri ma degne del bene più grande, una parolaccia fa impressione e le notizie sul “corriere” portano aria di sconcerto anche se alla fin fine oggi il cielo è limpido quindi..tiriamo avanti.
Sulla parete, un po’ nascosta, c’è una signorina che mostra le tette con un’aria scherzosa da nipote simpatica.
Lui sorride con un timbro indescrivibile di contagioso umorismo.
È un incrocio tra Kermit la rana e Jaques Tati.
Ve lo consiglio! Da stappare almeno un’ora prima della mescita. Per palati raffinati e basette sobrie…
Un vero caso di miracolo italiano.
M.

1920056_10200728942465309_1042054688_n

Making “Pasta Margherita”

Il nome originale è “Pasta Imperiale”, ma quando una ricetta diventa una Tradizione di famiglia…

1 Gennaio. Da che mi ricordi si festeggia con tutta la famiglia guardando il concerto di Capodanno e mangiando questo piatto speciale!
Fino a quando le è stato possibile, è spettato a mia nonna preparare la pasta che, in modo naturale, ha preso il suo nome: “Margherita”
Vi lascio con piacere la ricetta.
Mi auguro che assaggiandola potrete provare lo stesso benessere che vivo io, mangiandola anno dopo anno.
Auguri e, Buon Appetito!
A.

PASTA MARGHERITA

1 etto di burro
1 etto di farina
1 etto di parmigiano o grana
4 uova (temperatura ambiente)

Preparate l’impasto e aggiungete solo alla fine una bustina di lievito per torte salate.
Infornate a 160° x 45 minuti.
Lasciate raffreddare e tagliate a dadini la torta salata.
Immergete i dadini nel brodo di carne (manzo).

unnamed